• JoomlaWorks AJAX Header Rotator
  • JoomlaWorks AJAX Header Rotator
  • JoomlaWorks AJAX Header Rotator
  • JoomlaWorks AJAX Header Rotator

NEWS Flash

Login






Password dimenticata?
Nessun account? Registrati

Partner

Advertisement

Visite

Visitatori: 614175

Chi e' online

Home arrow Chi Siamo
Chi siamo
ANTONIO ROSSETTI ELVIRO DI MEO
Antonio Rossetti Elviro Di Meo
Antonio Rossetti è nato nel 1943 a Pentone della Sila, in provincia di Catanzaro. Vive e lavora a Napoli. Dopo gli studi liceali classici, ha frequentato per due anni la Facoltà di Lettere Antiche, per poi trasferirsi a quella di Architettura dell’Università degli Studi di Napoli "Federico II". Borsista, contrattista, ricercatore e poi docente supplente dal 1990. I suoi interessi, come ricercatore, si sono incentrati sulla Filosofia dell’Arte e sull’Estetica. Interessi che ha trasferito in cinque volumi, usati per la didattica; che, come per gli antichi ha sempre ritenuto un’Arte.
Relatore dal 1990 di circa cinquecento lauree, vincitrici di vari premi, è impegnato costantemente nella didattica, sviluppando un suo personalissimo linguaggio architettonico, dove accanto alla progettazione in senso stretto, ha trovato lo spazio per dedicarsi al disegno di gioielli. Attività, questa già precedentemente svolta dalla madre e dalla moglie. Nei suoi disegni un ruolo fondamentale lo hanno giocato sia gli studi classici che l’architettura. I suoi gioielli, infatti, sono anzitutto metafore di una storia; che, tradotte in schemi geometrici di sapore architettonico, danno ai gioielli un particolare senso, che non fa di questi soltanto oggetti estetici o vacue immagini, ma storie oggettivate. Storie che possono anche diventare, come diceva Valery per l’architettura, poesia pietrificata.
Elviro Di Meo, nato a Caserta nel 1973, vive a Santa Maria Capua Vetere, in provincia di Caserta. Lavora tra Caserta, Napoli, Roma, Milano, Venezia. Dopo gli studi superiori liceali, ha frequentato la Facoltà di Architettura dell’Università degli Studi di Napoli "Federico II". Qui è nominato cultore della materia in varie discipline. Dal 2006 è docente a contratto presso la Facoltà di Studi Politici e per l’Alta Formazione Europea e Mediterranea "Jean Monnet" della Seconda Università degli Studi di Napoli. I suoi interessi spaziano in vari campi: come giornalista si occupa della cura e la promozione di uffici stampa; è consulente di vari enti impegnati nella Progettazione Territoriale; scrive per quotidiani sia in ambito locale che nazionale. Negli ultimi tre anni ha rivolto essenzialmente i suoi studi avvicinandosi all’architettura contemporanea, collaborando con riviste internazionali del settore. Nello stesso tempo, riscopre il fascino del progettare: esperienza già consumata negli anni della prima e tarda adolescenza. Sceglie un particolare campo in cui esprimere il proprio linguaggio architettonico: il disegno di gioielli. "Sarebbe riduttivo chiamarli monili o semplici ornamenti; piuttosto architetture da indossare come una seconda pelle. Messi da parte gli anni del consumismo sfrenato, dove tutto è all’insegna dell’ostentazione, in nome del dio immagine, fine a se stessa, si riscopre la geometria di linee pulite ed essenziali, per imporre le nuove regole del gusto e di un’estetica fortemente desiderata". Ha realizzato varie linee, tra cui: "Omaggio a Carlo Scarpa", disegnata e prodotta insieme al professore Antonio Rossetti, docente di Progettazione Architettonica presso la Facoltà di Architettura dell’Università federiciana.